Bordighera

La Riviera dipinge una certa immagine nella mente di un viaggiatore, una di rosa pastello e turchese elettrico, di un sole grasso che brilla sul cofano di una decappottabile da un milione di dollari che serpeggia su una scogliera frastagliata e tortuosa.  Questo può ben descrivere il vostro Montecarlos, il vostro Nices, o, ad un certo punto della storia, il vostro Sanremos.  Eppure questo non comincia a scalfire la superficie di

“Bordighera, una città presa da qualche parte tra la Costa Azzurra, le Alpi italiane e l’Inghilterra del 19° secolo, con il risultato di una bizzarra identità gastronomica poco conosciuta al di fuori della regione.”

Qui, ci limiteremo a grattare la superficie della storia culinaria di Bordighera e dei suoi dintorni, ricordando che l’unico vero modo per vivere veramente un luogo è quello di esplorarlo da soli.

Soprannominata la “Regina delle palme” da Stéphen Liégard, il poeta francese che per primo coniò il soprannome regionale “Cote d’Azur”, è la flora di Bordighera che spicca all’inizio.  Anche se a lungo disconosciuta per la sua vulnerabilità ai pirati, la posizione della città tra le Alpi Marittime e il Mar Ligure combina la brezza e il sole onnipresenti della regione con temperature eccezionalmente alte, portando artisti e naturalisti britannici a stabilirsi qui nel XIX secolo, lasciando dietro di sé una strana miscela di architettura Arts & Crafts britannica, giardini romantici e ampi viali verdeggianti che gridano “località balneare britannica!” tanto quanto “villaggio ligure!”  Eppure, dove Bournemouth e Blackpool mancavano, Bordighera eccelleva, attingendo al suo ineguagliabile patrimonio climatico e culinario e dimostrando di essere una delle mete preferite da innumerevoli viaggiatori che hanno lasciato il loro segno qui durante il Grand Tour, da Claude Monet a Charles Garnier.

Al di là dei visitatori francesi e inglesi, e dei pirati moreschi che infestano le sue acque, Bordighera deve ringraziare la sua lunga relazione antagonista con i suoi vicini per la sua diversa eredità culinaria, con influenze dai vicini villaggi medievali di Dolceacqua, Apricale, e Alassio che contribuiscono alle ricette successivamente raffinate dai bordighotti e dai loro visitatori.  Come parte della “Riviera dei Fiori”, i prodotti qui sono eccezionali, con il suo basilico e l’olio d’oliva particolarmente senza rivali.  È interessante notare che, nonostante le sue acque incontaminate, la già citata presenza di pirati ha reso la pesca ancora più pericolosa di quanto già fosse ed è, così mentre i francesi oggi possono venire a Bordighera per i suoi frutti di mare freschi, le vere specialità di Bordighera tendono ad essere piatti rustici e stomachevoli provenienti dalle colline vicine.  

Naturalmente, questo non vuol dire che Bordighera rimanga fissa nel passato: per viaggiare nel tempo fino all’età medievale, è meglio visitare uno dei tanti centri collinari in bilico sul mare, a breve distanza in autobus.  Bordighera stessa, invece, mantiene una modesta vena sfarzosa per coloro che cercano di mantenere la classe senza dover navigare tra le folle internazionali che perseguitano le vicine Montecarlo e Sanremo. Offre ai clienti opzioni moderne e di classe mondiale a prezzi locali, in particolare nella frazione autonoma di Bordighera Alta.

Piuttosto che concentrarsi su ristoranti particolari, tuttavia, iniziamo con cosa cercare.  Qualsiasi conversazione sulla cucina ligure deve iniziare con le olive: se l’olio d’oliva della Toscana è più famoso, la drammatica topografia costiera di questa zona conferisce un fruttato più eccezionale alle olive taggiasche della Riviera del Ponente, il soleggiato tratto di terra da Savona a Bordighera.  Qui, i lotti di produzione limitata comportano una maggiore attenzione e una migliore tracciabilità, con il risultato di un olio d’oliva che può costare di più di quelli equivalenti su larga scala in altre regioni, ma per una buona ragione.  A

llo stesso modo, anche se il pesto genovese è più rinomato, le fattorie più piccole e l’aria più fresca producono un basilico che sembra quasi radioattivo nella sua colorazione; combinato con l’olio d’oliva più fruttato, il pesto locale è, per i miei soldi, un prodotto superiore.  

L’influenza dei pirati moreschi si sente nella farinata di ceci, una torta sottile e croccante che si trova su e giù per la costa.  La trombetta, una zucca lunga e sottile che si trova nella regione, si trova anche in un tipo di torta chiamata torta di verdura, fatta con riso e uova; un’altra è una variazione della pissaladière francese chiamata sardenara, una cugina della pizza, fatta di focaccia condita con capperi, olive, pomodoro e sardine.  È interessante notare che qui a Bordighera si può trovare anche una menestra de ceci, una zuppa di ceci con funghi.

La borragine, o fiordaliso, è comune nella regione, ed è utilizzata nei ravioli c’u pesigu, una pasta ripiena con le foglie della pianta, che conferisce un sapore erbaceo, simile al cetriolo.  In Liguria in generale, si può trovare il pansotto, una sorta di raviolo sciolto, “maltagliato”, anche se non è specifico di questa particolare regione.

Per i secondi piatti, la cosa migliore è la selvaggina che si trova sulle colline vicine, in particolare la lepre di Apricale, spesso in umido con fagioli di Pigna e vino vermentino o arrosto.  Si può anche trovare il cinghiale nella regione, o anche l’agnello arrosto con i carciofi a volte.  

Il brandacujun è una versione regionale dello stoccafisso in cui il merluzzo salato viene “brandito” (scosso vigorosamente) nella sua pentola con patate e olive fino a quando il tutto è integrato.  Si può trovare il polpo locale stufato con le olive, e stagionalmente anche i bianchetti in salsa di pomodoro (“pignurin”) o fritti (“frittelle di gianchetti”).

Infine, Bordighera è conosciuta per i suoi dolci, in particolare i baci di Bordighera, una pasta a metà strada tra i baci del Piemonte e quelli della vicina Alassio, con due piccoli biscotti di albume, nocciola, miele e cacao separati da un ripieno di ganache al cioccolato.  Uno sguardo ricorda la vicinanza della città alla Francia, poiché questi dolci potrebbero essere confusi per un cugino più ricco e cioccolatoso del macaron.  Ci sono anche i bordighotti al rhum, un tartufo di cioccolato ripieno di rum simile ai cuneesi del Piemonte; nella regione c’è la michetta di Dolceacqua, una pasta semplice a forma di vagina per celebrare una donna che uccise un re nel XIV secolo, e le panzarole di Apricale, che sono pasta fritta immersa nello zabaione.  

Tutto sommato,

“Bordighera e i suoi vicini offrono una variegata e colorata abbondanza di cucina poco apprezzata

sottovalutata ispirata da una storia distinta e globale e dall’eccellenza geografica della Riviera Italiana ad un prezzo significativamente scontato.  E questo prima di approfondire i vini o, parola mia, i ristoranti!  Sì, per ora, il modo migliore per avvicinarsi a questa città, credo, è con una mente aperta: salite su una bicicletta, pedalate lungo la costa, e una volta che avete fatto il pieno di storia, scendete in spiaggia, galleggiate un po’ nelle acque facili e chiare, e preoccupatevi della cena più tardi.

YOU MAY ALSO LIKE

Comments are closed

DAYS

0

HOURS

0

MINUTES

0

SECONDS

0