Caffè a Torino, un lunga storia

Torino: la città del caffè

Torino, l’elegante e storica capitale del Nord Italia, è veramente la città per gli amanti dell caffè. Per prima cosa, è la capitale dell’internazionalmente amata Lavazza, ha persino un museo dedicato alla loro storia del caffè. Poi ci sono i bellissimi caffè storici di Torino che hanno accolto gli amanti del caffè fin dal diciottesimo secolo. E, dopo tutto, Torino è il luogo di nascita dell’espresso.

 

Torino, l’elegante e storica capitale del Nord Italia, è veramente la città per gli amanti dell caffè. Per prima cosa, è la capitale dell’internazionalmente amata Lavazza, ha persino un museo dedicato alla loro storia del caffè. Poi ci sono i bellissimi caffè storici di Torino che hanno accolto gli amanti del caffè fin dal diciottesimo secolo. E, dopo tutto, Torino è il luogo di nascita dell’espresso.

“Torino è, dopo tutto, il luogo di nascita dell’espresso”

Nel 1884, Angelo Morando di Torino progettò la prima macchina da caffè espresso per servire più velocemente i clienti nelle ore più affollate della giornata. Il suo progetto originale utilizzava il vapore (come la Moka) che faceva fino a 10 caffè in 2 minuti. Il progetto di Morando fu poi adattato da Achille Gaggia (della ancora attiva Gaggia) nel 1938, applicando un’alta pressione dell’acqua per una produzione più veloce. Anche se ha un impatto sulla velocità, il rapporto tra pressione e vapore combinato anche oggi è cruciale con la moderna macchina da caffè espresso, permette ai pieni aromi del caffè di esprimersi nella loro totalità.

Lavazza, Caffe Vergnano e Caffe Costadoro, famosi in tutto il mondo, furono tutti fondati a Torino negli anni 1880 e 1890. Oggi queste sono ancora le marche di caffè più popolari, ma Torino offre una serie di torrefazioni speciali, che praticano la tostatura sostenibile e usano i chicchi dei Presìdi Slow Food. San Domenico è una torrefazione da tenere d’occhio, sceglie solo i migliori chicchi da tutto il mondo e li tosta lentamente su un fuoco di betulla.

Era qui, in questi caffè, disseminati lungo le grandi piazze, che si incontravano spesso intellettuali, scrittori e politici italiani”.

Qualunque sia la tua scelta di caffè, alla fine ti troverai a sorseggiare un espresso in uno dei caffè iconici di Torino. Molti di questi caffè sono nati quando la città era sede del re di Sardegna e Sicilia. Era qui in questi caffè, disseminati lungo le grandi piazze, che si incontravano spesso intellettuali, scrittori e politici italiani. Oggi è ancora possibile visitare molti di questi caffè. Eccone alcuni da non perdere durante il tuo prossimo viaggio:

Cafe al Bicerin-1763

Caffè particolarmente unico per l’epoca, il Caffè al Bicerin ha creato uno spazio accogliente per le donne, uno dei pochi spazi sociali che potevano riunirsi per incontrarsi e passare il tempo. Originariamente era un piccolo negozio che vendeva principalmente bibite, trovò la sua fama verso la scoperta della bevanda Bicerin. Il nome Bicerin si riferisce alla piccola tazza di vetro in cui viene servita. Inizia con una base di cioccolato gianduia fuso, coperto da un colpo di espresso e poi condito con latte schiumato.

 

Stratta 1838

Una volta il produttore ufficiale di caramelle della famiglia reale, oggi Stratta continua a stupire con i suoi dolci, l’ambiente splendido e il servizio unico e, naturalmente, il suo caffè. Stratta serve il San Domenico Roastery, cambiando l’origine ogni settimana, quindi c’è sempre qualcosa di nuovo da provare.

 

Baratti & Milano 1858

Il cuore di cioccolato di Piazza Castello, ancora oggi hanno la migliore cioccolata calda della città. Il loro caffè è una miscela unica fatta per loro; è rimasto essenzialmente lo stesso attraverso la storia.

 

Fiorio 1780

Ritornate al 1700 per il pranzo, circondati da velluto rosso in stanze sul retro riservate ai nobili torinesi. Oppure prendete un gelato da portare via: una ricetta speciale fatta con parte di latte condensato e parte di latte fresco. Fiorio serve caffè Lavazza, ma offre una bella cornice per gustarlo.

 

Mulassano 1907

Mulassano ha iniziato come caffè molto prima, ma si è trasferito per essere situato proprio nel cuore di Torino, in Piazza Castello nel 1907. Qui sono rimasti, intrattenendo frequentatori di teatro, intellettuali, nobili e funzionari con la loro miscela di caffè unica. Sebbene non vogliano rivelare la miscela, ha dimostrato di essere apprezzata anche da coloro che normalmente non godono di un bicchierino di espresso.

CONTRIBUTOR

Evelyn Hill Autore

Evelyn Hill moved to Italy from small town Vermont in 2012. During her time in Italy she has studied art, archaeology and wine. She currently lives in Turin, helping visitors discover the best of Italy and learn more about Italian wine. 

follow me

YOU MAY ALSO LIKE

Queseria la Antigua
Nero Fermento
Antwerp

Comments are closed

DAYS

0

HOURS

0

MINUTES

0

SECONDS

0