Sylvia Kopp

Sylvia Kopp e la cultura della birra artigianale a Berlino

Tette e birra*. Sylvia Kopp li ha entrambi. È un dato di fatto. Se il titolo vi ha preso alla sprovvista, beh, Sylvia ci è abituata. Con 15 anni di esperienza come sommelier della birra – sì, come gli esperti di vino – potete immaginare quante volte ha sbalordito l’industria maschilista con i suoi risultati e la sua passione per la bevanda schiumosa. Sylvia insegna la valutazione sensoriale e lo studio degli stili e serve come giudice a lungo termine ai concorsi internazionali della birra come il World Beer Cup negli Stati Uniti, European Beer Star a Monaco e al Brussels Beer Challenge.

Come se tutto ciò non fosse abbastanza esperienza per dimostrare la sua competenza (controlla i tuoi pregiudizi), nel 2013 ha fondato la Berlin Beer Academy, che ha diretto fino al 2016. Dal 2015-2018 è stata ambasciatrice della birra artigianale americana in Europa per la Brewers Association. L’anno scorso ha iniziato a lavorare con BarthHaas, il distributore leader mondiale di luppolo, dove insegna alla loro Hops Academy. Oh sì, ha anche scritto un intero libro chiamato “Barley & Hops: The Craft Beer Book”. Uff! In breve, Sylvia è una scrittrice di birra, oratrice e insegnante sulla cultura della birra che cambia globalmente.

Ma perché la birra? Per Sylvia, la risposta è triplice. Prima di tutto, il puro interesse e l’ispirazione; la birra è un prodotto culturale. Sylvia sottolinea che non è una bevanda che può capitare per caso (come il succo di frutta o il vino), ci vuole un produttore, le sue abilità e un processo creativo per produrre la birra. Esplorare il processo di produzione della birra a partire dall’impulso creativo del birraio è qualcosa che Sylvia ha sempre trovato affascinante – specialmente quando il risultato è qualcosa di delizioso. In secondo luogo, è intrigata dal cambiamento. Quando Sylvia ha iniziato ad esplorare il movimento della birra artigianale negli Stati Uniti nei suoi primi anni, sapeva istintivamente che il mondo della birra stava vivendo una rivoluzione – da pochi produttori di massa a molti produttori piccoli e medi. All’epoca, la Germania dormiva profondamente in termini di birra artigianale, ma Sylvia sapeva che il cambiamento stava arrivando anche mentre la Germania sonnecchiava. Il terzo elemento è sempre stato il gusto. Ancora oggi ama mettere in pratica le sue capacità sensoriali per valutare la birra. La valutazione sensoriale è lo strumento perfetto e secondo lei “l’anello mancante per poter dare il mio contributo al mondo della birra”.

Condividendo ciò a cui sta lavorando a Berlino, Sylvia menziona il desiderio di pubblicare più del suo lavoro di fantasia (e il nostro titolo è un accenno a ciò che potrebbe essere). Ma si illumina davvero quando inizia a parlare dei birrifici di fattoria, che lei semplifica eccessivamente per significare “birrifici legati al luogo che usano principalmente ingredienti provenienti dalla propria agricoltura o foraggio”. Cita Jester King negli Stati Uniti, Kemker Brukultuur in Germania e Nevel nei Paesi Bassi come riferimento. Continua dicendo…

“Non solo questi birrai sono molto sostenibili, ma producono anche birre incredibilmente uniche, birre che hanno il sapore del luogo, il terroir se volete”.

Quando le è stato chiesto come la pandemia di covid-19 abbia influito su di lei, Sylvia dice che mentre gli eventi e gli incarichi per gli articoli hanno rallentato drasticamente (e con essi le sue entrate), ha avuto più tempo, il che è stato più che benvenuto. Al contrario, alla BarthHaas Hops Academy tutto è andato veloce e il loro team si è dimostrato abbastanza resistente. Sono andati online in pochi mesi e ora stanno eseguendo un programma completo di “Hopinars” (un gioco di webinar e luppolo, nel caso in cui non fosse evidente) – anche il corso di punta Hop Flavorist che coinvolge innumerevoli campioni di degustazione è appena andato online.

”Mentre alcuni in Germania sostengono che “la birra artigianale è morta”, Sylvia proclama “lunga vita alla birra artigianale”.

Con così tanti produttori di birra artigianale che producono prelibatezze ricche di sapore, migliorando così l’intera categoria, l’integrazione della birra artigianale nel mainstream è completa. L’unica domanda è come saranno le innovazioni future? Secondo Sylvia, poiché i mercati e le tendenze durante e dopo la pandemia diventano sempre meno prevedibili, è importante adottare approcci creativi. 

Il suo messaggio ai birrai ora è l’anima della birra artigianale: Non cercate le tendenze. Cercate ciò che è dentro di voi e trovate ciò che vi porta gioia; ciò che vi interessa creare. Siate creativi, siate audaci, siate innovativi. “Per alcuni, potrebbe sembrare che la birra artigianale sia morta, dato che la polarità iniziale, carica di emozioni, è svanita, ma la verità è che la birra artigianale ha cambiato il mondo della birra per sempre. E resterà nei paraggi”.

YOU MAY ALSO LIKE

Comments are closed

DAYS

0

HOURS

0

MINUTES

0

SECONDS

0